Home / Thailandia / Turismo Thailandia / Camping in Thailandia nelle cascate del Khuean Srinagarindra National Park
cascateCopertina

Camping in Thailandia nelle cascate del Khuean Srinagarindra National Park

Un amico thai mi ha proposto di fare un week end di camping in Thailandia , in tenda in un parco nazionale a Kanchanaburi, un esperienza fantastica che vi voglio raccontare.

Sono sempre stato un appassionato di camping. Il “backpacking” in europa fondamentalmente è sempre stato per quanto mi riguarda girare con auto , moto , mezzi pubblici , visitare posti e dormire in tenda.

Se ti piace fare campeggio hai già capito di cosa parlo , montare la tenda , mettersi li a cucinare 4 spiedi su un barbecue , le gioie e i dolori dell’andare al cesso la notte quando hai la torcia scarica, insomma per gli amanti di un po’ di natura e di sbattimenti, sapere di avere la tua casa sulle spalle e poter dormire dove ti pare.

Non avevo ancora fatto camping in Thailandia , era nella mia todo list. Piu’ che altro perchè in generale ovunque, nei posti turistici, è sempre possibile dormire a 2 soldi, cosi’ economicamente che non vale la pena neanche farsi lo sbattimento di portarsela dietro una tenda.

Ma non tutti i posti hanno degli hotel o delle guesthouse , non tutti i posti sono raggiungibili coi mezzi pubblici, non tutti i posti ha senso la scelta del campeggio.

Un amico thai , super invasato di camping ormai sposato e con figli non aveva piu’ soci di scorribande per questo genere di esperienze , mi ha proposto se mi andava di andare con il suo pick up in cima ai monti a Kanchanaburi al Khuean Srinagarindra National Park , dove ci sono delle belissime cascate tier 4 e dove c’è un area dove si puo’ fare camping in bocca alla cascata. Non ci sono bus che portano al parco da Bangkok , non ho potuto rifiutare a quest’offerta !

Per cui se vi piace fare camping , avete un mezzo personale o non avete problemi a spendere qualche mille baht per un mini van privato, vi consiglio vivamente questa location per fare camping in Thailandia , in quanto è un posto con zero turisti.

Camping in Thailandia : come funziona rispetto a noi

Dopo 3 ore (andando piano , tipo 80 km/ora) siamo arrivati in cima a questo monticello. L’ingresso del parco via auto prevede un paio di posti di blocco gestiti da militari e ranger dove controllano quante persone sono nel veicolo e fanno pagare l’ingresso nel parco. Incredibilmente non mi hanno chiesto un prezzo maggiorato, non credo vedano molti stranieri in quel parco o magari era un caso.

La stagione di adesso non è assolutamente delle migliori (marzo-aprile) in quanto ci sono vari incendi in giro nei campi e per tanto il cielo non è limpidissimo, ma la cosa non ha fermato la nostra gita.

Arrivati in cima al monticello si arriva a una bellissima area verde , pulita e curata , dove sono presenti dei bagni all’aperto (tipo quelli dei nostri campeggi in Italia) con acqua solo fredda. Qui ci fanno pagare 30 baht a testa per piazzare le tende. C’è anche un ristorante che dovrebbe avere qualche camera.

Noi siamo andati di venerdi’ , per dormire li la notte e il giorno seguente muoverci verso le Erawan Waterfall sempre a Kanchanaburi, per cui il camping era vuoto, il giorno seguente (sabato) si è abbastanza riempito , un sacco di persone arrivano da Bangkok.

In cima e nei dintorni non c’è molto per mangiare. Durante il giorno c’è un area coi tavolini dove ci sono dei mini ristorantini improvvisati ma tendenzialmente tutti si portano il mangiare da casa (nel nostro caso ci siamo portati carne , barbecue thai, bevande e cosi’ via).

Nel parco è vietato introdurre alcol , ma se ti bevi la tua birrettina in tranquillità nessuno ti rompe le palle.

Non ci sono piazzole o cose di questo tipo , la corrente c’è solo vicino ai bagni , scordatevi viali e strade illuminate , giusto qualche luce verso l’ingresso del parco, si piazza la tenda dove si vuole nell’area verde dedicata al camping , per tanto io la ho messa vicino alle cascate.

Io avevo la mia tenda (una Ferrino Lightent 3), quella che uso di solito che mi sono portato dall’Italia , una tenda ultra leggera 4 stagioni perfetta sia per andare in montagna che per temperature bollenti, oltre che pesare meno di 2 kg, perfetta per zaini , moto e cosi’ via.

Potevo uscire dalla tenda fare 20 metri e affacciarmi al primo strapiombo che dalla cima porta le cascate a scende verso valle facendo 4 grossi salti (tier).

Camping in Thailandia alle cascate Huay Maekamin Waterfall

In questo week end ho visitato queste cascate (in questo camping e parco) e le Erawan Waterfall, piu’ famose e molto piu’ turistiche e non ho dubbi su cosa è meglio : Assolutamente le Huay Maekamin Waterfall.

Semplicemente perchè qua non sei assediato da russi o altri turisti (thai inclusi). Ho potuto passeggiare , nuotare nei laghetti sotto le cascate , praticamente sempre da solo e senza rotture di maroni.

L’acqua è super trasparente (ovunque cartelli e divieti di usare saponi o shampi, luogo di riproduzione di una specie rara di farfalle) e sembra di stare nel paradiso terrestre. Una bella esperienza a contatto con la natura.

Beccatevi le foto !

Camping in Thailandia con i Thai, perchè grigliare vale piu’ di mille parole

Il mio amico thai parlava inglese da pietà , sua moglie non sa neanche cosa sia l’inglese , il mio thai non mi permette di fare discorsi filosofic, dato che faccio già male quelli normali !

Ma un paio di birrette e l’unione delle forze per grigliarci spiedini (e un tom yam sul barbecue) ha reso il tutto piacevole come sempre.

Portatevi un bel barbecue , perchè grigliare sotto le stelle è sempre magico !

 

About Pier Sottojox

Vivere e viaggiare all'estero e scriverci ogni tanto sopra.

Leggi anche

Cosa visitare a Suphan Buri | Mercati , parchi , natura e cultura

Vediamo cosa cosa visitare a Suphan Buri , una provincia situata a un centinaio di …