Home / Thailandia / Thailandia del nord / Chiang Mai | Affittare casa a Chiang Mai
affittare casa a chiang mai

Chiang Mai | Affittare casa a Chiang Mai

La Perla del Nord vi ha rapito ed è arrivato il momento di affittare casa a Chiang Mai? Lasciatevi un po’ raccontare come funziona, così da potervi indirizzare subito verso la scelta più giusta.

Come spesso capita a chi passa per Chiang Mai “per stare qualche giorno, al limite una settimana se faccio un jungle trekking”  ad un certo punto arriva il serio bisogno organizzarsi per trovare una soluzione abitativa adatta ai mesi, per alcuni anni, che trascorrerete incapaci di abbandonare la Perla del Nord.

Per affittare casa a Chiang Mai, come del resto per tutto quanto qui in città, l’unica variabile siete solamente voi: sono il vostro gusto e le vostre necessità ad indirizzare la scelta verso la soluzione che più vi rispecchia e mette comodi. Solamente voi e ovviamente il vostro portafogli, perché nell’universo immobiliare di Chiang Mai ce n’è veramente per tutti i gusti e disponibilità: potrete ambire ad accoglienti soluzioni un po’ bohemien che vi permetteranno di avere un tetto con 3.000/ 3.500 thb (€ 80/90 circa al mese) fino ad arrivare a soluzioni stratosferiche da narcotrafficante narcisista arrivando a spendere anche 30.000/35.000 thb al mese ( sono € 800/ 900 e parliamo di case che a Milano ne costerebbero facilmente 4.000/ 5.000 al mese).

Come sempre la verità sta nel mezzo e se avrete a disposizione un budget intorno ai 13.000/15.000 thb al mese (circa € 350/ 400) vi assicuro che avrete veramente da divertirvi nella ricerca del posto giusto per voi.

 

affittare casa a chiang mai
Mappa di Chiang Mai e le relative zone indicate

Affittare casa a Chiang Mai – Il primo passo, scegliere dove vivere

Chiang Mai, Chiang Mai…. quante Chiang Mai! Affittare casa a Chiang Mai significa tanto per cominciare decidere in quale Chiang Mai vivere, come interpretare la città, ma nessun paura: stiamo parlando di una città così raccolta e semplice da girare che nessuna scelta vi imporrà rinunce troppo restrittive, vi basterà essere pronti a godervi la guida di un motorino.

Quando si parla di cercare casa a Chiang Mai la prima domanda che ci si pone è sempre una: dentro o fuori al moat? Ovvero dentro o fuori al perimetro della Città Vecchia, delimitato appunto da un canale e da segmenti delle antiche mura cittadine.

 

affittare casa a chiang mai
Mappa della Città Vecchia

La Città Vecchia

Vivere dentro alla Città Vecchia, per dirla con una perifrasi accademica, è una figata, soprattutto se avete la fortuna di trovare una delle piccole e deliziose casette thai style in una delle soi interne, vere isole di pace dove potete incontrare solo abitazioni tradizionali e giardini bellissimi, tutto appunto in quello che è il centro più centro possibile della città. Una scelta non solo bella ma anche molto comoda, perché permette di arrivare ovunque e di vivere in certi casi anche solo a piedi o in bicicletta, ed è affascinante perché in alcuni angoli si tratta davvero di un piccolo mondo a parte in una location che a Milano sarebbe paragonabile ai dintorni di Piazza del Duomo.

Anche questa scelta però ha il suo lato oscuro perché vivere nella Città Vecchia significa in un modo o nell’altro stare eternamente a contatto con i turisti e, come si dice, sempre più o meno in mezzo al casino, che a Chiang Mai, soprattutto se ci si vive stabilmente, non sempre ha un senso. Essendo una zona trafficata ovviamente è anche abbastanza rumorosa, ma soprattutto, principe degli svantaggi, è un’area assolutamente ambita in cui le poche abitazioni disponibili sono naturalmente piuttosto care, il che la rende sensata solo se per voi è davvero un must vivere in centro o ve ne siete del tutto innamorati.

 

Quando invece di parla di “outside the moat”, ovvero tutto il resto del mondo, raccontare zona per zona “l’Universo Chiang Mai” diventa un po’ caotico, perché davvero offre un sacco di soluzioni diverse. Per farvi un’idea di cosa potreste trovare qui di seguito ricapitoleremo le aree in cui normalmente è più facile cercare o trovare soluzioni abitative, ma sia ben chiaro… ogni angolo della città potrebbe nascondere la soluzione giusta per voi, quindi prendete quanto segue solo come esempio.

 

affittare casa a chiang mai
mappa Nimman

Nimmanhaemin

Nimmanhaemin (Nimman per i comuni mortali, Nimm per gli amici) è in assoluto la zona prediletta dagli expat che popolano Chiang Mai: un’area che appunto sorge attorno alla Nimmanhaemin Road, una lunga strada che taglia in due la parte nord/ovest della città ricca di caffè, ristoranti, shared office e tutto quel che serve per condurre una vita il più possibile occidentale anche trasferendosi nel nord della Thailandia. Nimman è bella, colorata, divertente, ha un colpo d’occhio che in qualche modo ricorda alcune aree più solari e rilassate di Los Angeles, è una zona di fermento in cui anche i Thai sembrano (e sono) decisamente più occidentali della media cittadina. Vivere a Nimm è comodo, c’è tutto quanto e, salvo particolari necessità o piaceri, può tranquillamente essere uno scenario in cui muoversi in bicicletta senza mai bisogno di allontanarsi troppo facendo affidamento su decine e decine di diverse soluzioni tra supermercati “western oriented”, bar e locali vari, ristoranti di ogni genere e prezzo (a onor del vero non sempre economici) e svariati punto di incontro o situazioni di coworking per avere a che fare con expat di tutto il mondo.

Ma, per dirla come farebbe un nonno, non tutto è tutto oro quel che luccica, io per esempio a Nimmanhaemin (meglio prendere le distanze in questo caso) non ci vivrei mai: tanto per cominciare perché per vivere quotidianamente una situazione simile non ha senso trasferirsi fino in Thailandia, ma poi perché rimane comunque decisamente caotica e assolutamente cara: tutto è per farang e, salvo alcune piccole eccezioni tra cui un paio di ristoranti di cui abbiamo parlato, vivere a Nimman significa affrontare un regime medio di costi generali decisamente più alto di quello con cui potreste cavarvela altrettanto bene altrove.

 

affittare casa a chiang mai
mappa Riverside, Train Station e Bus Termina

 

Riverside

Ovvero tutta quell’area che costeggia il Ping River, il fiume che attraversa il lato orientale della città, un’area che soprattutto in alcuni punti possiamo definire veramente molto bella: un misto tra comodità e ambiente thai, con la percezione di una città intorno ma con delle dinamiche quasi rionali. E poi ovviamente il fiume che, oltre ad essere la location di decine di locali notturni piuttosto divertenti, è oggettivamente molto bello.

Vivere nel Riverside non è affatto male ma i prezzi delle case sono ovviamente più alti di come sarebbero da altre parti, per quanto riguarda invece locali e servizi i costi sono nella media generale e la zona rimane indubbiamente interessante se vi piace il sapore cittadino accompagnato da uno degli scorci più romantici della città, ma dovrete essere pronti a pagarlo accettando un po’ (abbastanza tanto) di traffico attorno a voi.

 

affittare casa a chiang mai
mappa Riverside, Train Station e Bus Termina

Train Station e Bus Terminal

Si identificano con i punti di riferimento principali delle zone dell’estremo est di Chiang Mai, molto ben collegate al centro e molto vicine al big ring, una sorta di tangenziale che più o meno delimita Chiang Mai città. Sono aree comode perché provviste di tutto, molto molto economiche in quanto ad affitti e servizi e sicuramente valide quando si cercano soluzioni a basso costo che però lascino comunque modo di non uscire troppo dalla città, però… però… fascino zero, fattore “Piacere di Chiang Mai” quasi nullo… diciamo che se non siete in cerca solo della soluzione più pratica ed economica forse potete trovare di molto meglio altrove.

 

affittare casa a chiang mai
mappa Canal Road

Canal Road

La Canal Road, o strada 121, è quella lunga lunghissima strada spesso accidentata (guai maledire la Salerno/ Reggio Calabria) che costeggia abbondantemente tutto il lato ovest della città. E’ un’area molto vasta ed è piuttosto difficile parlarne in generale, ma diciamo che per vivere nella maggior parte delle zone limitrofi alla Canal Road avere un motorino è una prerogativa (a meno che non abbiate una bici e gambe buone o intenzione di vivere chiusi in casa) e che non si possa di solito definire né una zona centrale né una zona tanto comoda… però anche in questo caso c’è un però: è proprio qui che con un po’ di pazienza e fortuna si possono trovare le case più belle a prezzi bassissimi. Una zona davvero consigliata, soprattutto se vi piace l’idea di vivere in mezzo al verde pur rimanendo non troppo lontano dal centro nevralgico della città.

 

 

Hang Dong, Mae Rim, Doi Saket e le altre

In questo caso è proprio impossibile scendere nel dettaglio, ma basti sapere che Hang Dong (paese subito confinante a Chiang Mai in direzione sud), Mae Rim (stessa cosa ma a nord) o Doi Saket (area dell’omonimo famosissimo tempio, a est di Chiang Mai) e i tanti altri paesi che circondano la Perla possono essere serio motivo di riflessione, perché spesso ci si possono trovare soluzioni abitative comode, grandi e il più delle volte molto belle a prezzi veramente vantaggiosi e sicuramente non paragonabili a come sarebbero in città per lo stesso genere di casa. Soluzioni che praticamente obbligano ad avere un mezzo di trasporto, che sia anche un semplice motorino, ma che possono offrire contesti di vita veramente comodi e belli per quanto lontani dalla City (che ricordiamo non è New York e che quindi non significa andare a vivere in New Jersey).

 

Affittare casa a Chiang Mai – La domanda fondamentale, casa condo o… guest house?

Eh già, affittare una casa a Chiang Mai, come in tutto il mondo, presuppone anche di dover decidere in che tipo di contesto trovarvi, se in una casa privata, un condominio o magari una guest house. La differenza rispetto al resto del mondo è che a Chiang Mai tutto diventa più abbordabile economicamente e che quindi la scelta sta soprattutto a voi, anche perché qui ci sono paradossi immobiliari come monolocali da 50 mq in palazzi da dodici piani che costano di più (e sono ben più ambiti) di case monofamiliari con giardino e tanto di struttura thai style.

 

I Condo

Condo sta per Condominium, ovvero il mio spauracchio: che senso potrà mai avere vivere a Chiang Mai in una casa piccola piccola all’interno di un palazzone grande grande dove tutto ricorda una vita completamente occidentale? Eppure un senso a me sconosciuto lo dovrà sicuramente avere, perché sono tra le soluzioni più ambite in assoluto per chi cerca una sistemazione confortevole e tendenzialmente un po’ fighetta: questo perché i condo in Thailandia non vanno fraintesi con i casermoni nostrani, qui si tratta di palazzi forniti di ogni comfort a prescindere dal livello di qualità e costi del singolo stabile: ogni condo ha una sua piscina, una palestra, un servizio di sicurezza 24/24, poi in base a quanto lussuoso sia il posto questi elementi cambiano in qualità insieme alla struttura generale del condominio. Però questo non solo significa andare incontro a costi sempre piuttosto alti, soprattutto in caso di stabili pregiati, ma soprattutto significa prepararsi a case piccole, molto belle magari, ma veramente minuscole almeno rispetto a quello che potreste avere con altre soluzioni: appartamenti medi sono tra i 35 e i 45 mq, quelli grandi intorno ai 55 mq, pochi e costosissimi quelli da 80/100 mq… metrature che sottolineano l’impronta ultracittadina di soluzioni che spesso ricordano un po’ il residence di “Ragazzo di Campana”. Comodissime e rifinitissime celle, almeno per quanto mi riguarda. Taac.

 

Le Case

Molto diverso il capitolo case, perché Chiang Mai offre veramente soluzioni da sogno: tra quelle molto semplici e quelle un po’ spaccone, tra le tradizionali in puro stile thai e quelle moderne in puro stile western, tra le case di Chiang Mai ce n’è sicuramente una che potreste definire la vostra casa perfetta. Nel caso delle abitazioni singole, tra l’altro, le metrature sono molto più generose che rispetto ai condo, fino ad arrivare a case molto molto grandi spesso condivise o condivisibili con altri expat come voi.

Parlando di case, oltre a tutte le possibili variabili di grandezza, qualità, posizione e costo, quello che ha senso anticipare è una sorta di “doppia possibilità” che si crea tra le abitazioni singole propriamente dette e gli U Bahn, ovvero dei veri e propri villaggi separati in cui sorgono tante case il più delle volte davvero a misura di famiglia. Anche gli U Bahn, come i condo, di differenziano per fascia qualitativa sia attraverso i tipi di case che di servizi offerti (piscine, palestre, campi da tennis, ristoranti e vari ed eventuali) e sono spesso motivo di status quo per i thai. Personalmente non amo affatto gli U Bahn, sono delle soluzioni che il più delle volte assomigliano ai paesaggi residenziali dei film di Tim Burton, dove le case sono anche belle ma tutte uguali, tutto messe in fila l’una dietro all’altra creando un piccolo mondo a parte che difficilmente mi lascia un sensazione positiva.

 

La Guesthouse

Si, la guesthouse. Perchè se volete spendere comunque poco (più di un appartamento di sicuro, ma con altri vantaggi), vivere in centro e avere sempre attorno gente nuova e un clima divertente, stabilirsi in una guesthouse è una soluzione più che valida, tanto più se contate di fermavi solo qualche mese o se siete costretti a fare i programmi un giorno alla volta.

Il vantaggio pratico del vivere in una guest house è che voi siete pur sempre gli ospiti di un albergo: acqua, elettricità, internet, pulizie… tutto compreso nel costo del vostro affitto mensile senza bisogno di pensare a bollette e pagamenti accessori. Il vantaggio umano è che è molto divertente e che finché non avrete un po’ carburato con la città vi aiuterà molto a conoscere persone e a creare dinamiche che spesso, oltre ad essere piacevoli, tornano molto interessanti se non addirittura utili.

 

 

Affittare casa a Chiang Mai – I prezzi

Quindi? A che costi andrete incontro? Difficile a dirsi con precisione perché, come avete visto, le variabili ad incidere sui costi alla fine sono tante. Casa o condo? Città o fuori? Servizi condivisi o abitazioni singole? Tutto questo cambia il valore degli affitti. Quello che possiamo però fare è darvi un’idea tendenziale dicendovi più o meno cosa potreste trovare in quelle che sono poi le tre fasce di costo fondamentali. Ovviamente i riferimenti di costo sono generici e potreste anche essere fortunati.

Da 3.500 a 6.000 thb

Parliamo di una fascia tra gli € 90 e gli € 150 al mese, che poi è più o meno la fascia minima, nella quale potreste trovare sicuramente ottime soluzioni in guesthouse, alcune piccole case singole magari in zona Canal Road o Train Station o condo sempre in zona stazione o bus terminal. Ovviamente si tratta di soluzioni semplici, probabilmente non molto grandi, ma sicuramente comode e felici per chi vuole spendere poco e avere un po’ di agio. In questa fascia vanno poi ovviamente caldeggiate le soluzioni in condivisione, che potrebbero offrirvi belle stanze in case grandi da condividere con altri expat che come voi scelgono di condividere spazi comodi piuttosto che piccoli appartamenti privati.

 

Da 8.000 a 12.000 thb

Ovvero un range intorno a € 200/ 300 al mese che vi darà accesso a quelle che possiamo chiamare le soluzioni medie più comuni: ovvero un appartamento in un condo di Nimman o una casa piuttosto carina sulla Canal Road, una grande casa in un U Bahn di Hang Dong o una ricchissima condivisione da sogno in qualche casa di città particolarmente bella. Con questo budget, e con un gran bel pizzico di fortuna, potete anche giocarvi la possibilità di trovare qualcosa nella Città Vecchia e, più in generale, comincerete a palpare quel paradosso di scegliere tra luna casa singola e magari spaziosa allo stesso prezzo di un condo da 35 mq ma magari in una struttura ambita che fa caropagare la noblesse oblige (a Chiang Mai, non a Cortina).

 

 

Da 15.000 a 30.000 thb

Cioè la fascia che sta tra gli € 400/500 e gli euro € 800/1000 al mese, ovvero fantasia al potere. Quando avete disposizione questo budget affittare casa a Chiang Mai diventa un’operazione da voler fare con piacere anche una volta al mese, perché si sprecano soluzioni extralusso per ogni genere e gusto: gigantesche case un po’ fuori dal centro, lussosi appartamenti ai piani alti di Nimman o super attici sul Riverside, passando per castelli fuori città che identificano la perversione immobiliare che sta silente dentro ad ognuno di noi. Diciamo che si tratta di cifre assurde se paragonate a quanto belle possano essere alcune case già intorno ai 10.000 thb, ma immagino che se le vostre mire si muovano in questa direzione il vero senso di un tale esborso sia poter avere accesso a case che in Europa potremmo vedere solo sulle copertine dei giornali senza poterci mai sentire in diritto di immaginarle nostre.

 

Affittare casa a Chiang Mai – Contratti, bollette, condizioni

Non c’è niente di particolare da dire a questo riguardo se non che sia piuttosto normale (come in tutto il mondo) avere dei costi di affitto esposti al netto di quelle che sono le forniture principali come acqua ed elettricità che il più delle volte vengono pagate separatamente dall’inquilino, diverso è per internet che spesso è compresa nel prezzo e parte dell’offerta commerciale, quindi molto spesso anche performante e già pronta all’uso.

Una variabile spesso sensibile invece è quella dei contratti di locazione, che più comunemente per gli stranieri vengono proposti in formati da 3, 6 e 12 mesi con sensibilissime differenze di costo mensile in base al più ampio accordo generale (diciamo che la stessa casa se affittata per 6 o 12 mesi potrà avere una differenza di costo anche del 10/ 15%, per non parlare rispetto ad un contratto di 3 mesi che spesso non viene neanche contemplato). Gli affitti mensili sono ovviamente possibili, ma per forza di cose con una disponibilità di scelta più striminzita e con un costo unitario del mensile proporzionalmente più alto.

 

Affittare casa a Chiang Mai – Come trovare

E qui si arriva al dunque… al di là di tutti i dettagli e possibilità, come si fa a cercare una casa in affitto a Chiang Mai? Come fare ad accedere a tutte le possibilità fino al punto di trovare la vostra quasi automaticamente? Ci sono tre strade: una completamente digitale, una completamente analogica e una che le comprende entrambe, e nessuna esclude l’altra.

La prima (e più efficace almeno sulla quantità) cosa da fare per avere accesso a tutte le informazioni riguardo a case sul mercato e relative condizioni è quella totalmente digitale, ovvero internet, ma più precisamente Facebook. Ci sono decine di gruppi dedicati all’argomento come per esempio Real Estate Chiang MaiSecond Hand Chiang Mai o Home in Chiang Mai, oppure quello del Couchsurfing di Chiang Mai, sui quali vengono quotidianamente condivise foto di tutte le possibilità sia nel mercato dei privati che in quello delle agenzie, con tutta la facilità di comunicazione e organizzazione che il social permette.

La seconda strada, quella del tutto analogica e per altro molto efficace, è prendere una bicicletta o un motorino e andare in giro curiosando nelle zone che vi piacciono in cerca di cartelli d’affitto o di situazioni propizie per chiedere informazioni ai locali. Per quanto suoni come una soluzione dispersiva e con molte poche certezze, questo è in verità l’unico modo per tirare fuori dal cilindro quelle che possono venire a tutti effetti definite “occasioni”. Chiunque abbia trovato case da sogno a prezzi stracciati, magari possibilità di Thai tendenzialmente per Thai che non finiscono pubblicate in rete, lo ha fatto attraverso questo metodo e cercando di favorire il più possible le circostanze stando in giro.

Ultimo ma non meno importante è il passaparola, che dovrà coinvolgere chiunque conosciate sia a livello di social network che, soprattutto, di conoscenze dirette, così che chiunque tenga le orecchie tese per voi in attesa di qualche occasione propizia. E quando si parla di informare chiunque si intende davvero chiunque, non si sa davvero mai chi potrà essere quel conoscente che indirettamente vi consegnerà le chiavi della vostra prima casa a Chiang Mai.

Come dicevamo nessuna di queste soluzioni esclude l’altra e quindi la cosa più consigliabile rimane percorrere contemporaneamente tutte le strade possibili, così che l’attesa non sia lunga e che possiate presto sentirvi anche voi sentirvi cittadini della Perla del Nord, al di là che la vostra interpretazione sia un appartamento da scapoli d’oro con vista su fiume Ping o una più familiare e affascinante casa di legno in stile thai con tanto di giardino tropicale.

 

Affittare casa a Chiang Mai – Alcune esperienze dirette

Stando a quanto visto in questo anno alla fine posso dire (ma sottolineo in modo tendenziale e un pochino fantasioso) che, se volete trovare un posto che non vi sia solo funzionale ma che vi piaccia sul serio, magari anche ad un costo ben più basso del normale valore di mercato, il metodo migliore sia l’approccio diretto, la ricerca in prima persona di posti che potrebbero piacervi e il massiccio passaparola con persone che magari sono in grado di capire esattamente quale sia la vostra esigenza.

Inforcando una bicicletta o un motorino e andando a curiosare nelle loro zone preferite tanti amici hanno trovato soluzioni che difficilmente sarebbe stato facile trovare su Facebook o tramite un agente immobiliare: un’amica (no, non ti nomino, così impari a trovare una casa così bella) ha trovato una casa indipendente nei pressi di Canal Road spendendo 6.000 thb (circa € 150,00) per una soluzione a dir poco deliziosa con tanto di grande cucina (non datela per scontata, non lo è), struttura western e giardino esterno con tanto di stagno per pesci e girini; un’altra coppia di amici sempre su Canal Road ha trovato per 10.000 thb una casa stupenda su tre piani che a Milano costerebbe più o meno dieci volte tanto i circa € 260,00 che spendono mensilmente; altri addirittura condividono ville che in Europa toccherebbero il milione di euro e che qui se condivise risultano essere forse la soluzione più economica in assoluto… tutto possibile armandosi di santa pazienza e cercando nel vero senso della parola, senza limitarsi alle inserzioni su Facebook che, per quanto vadano benissimo, spesso sono più utili a trovare una soluzione pratica piuttosto che quella veramente sorprendente ed irrinunciabile.

 

Affittare casa a Chiang Mai – Come ho fatto io

Personalmente sono stato un expat veramente pigro in fatto di case, forse perché non sono mai stato particolarmente attratto dalle soluzioni pratiche quanto da quelle più affascinanti e un po’ romantiche… alla fine concedetemelo, se mi sono trasferito a vivere in Thailandia certo non è stato per finire a vivere la quotidianità in un condo o in una casetta a schiera in pieno stile New Jersey o American Beauty che dir si voglia… quindi mi sono decisamente preso il mio tempo.

Per praticamente quasi tutto il primo anno ho vissuto in guesthouse dove ho avuto prima una camera singola, poi una doppia e infine una tripla ad uso singolo: una scelta pigra e tendenzialmente antieconomica (il prezzo di affitto della mia camera era spesso superiore a quelli di appartementini fuori dal centro ma comunque indipendente) ma ovviamente giustificata banalmente dalla posizione iper centrale e, soprattutto, da un ambiente spettacolare in cui mi sono divertito tanto e ho fatto decine e decine di conoscenze stupende.

Personalmente io lo consiglio il “passo guesthouse” almeno per un po’, soprattutto se avete intenzione di fermarvi a Chiang Mai più o meno a lungo, perché vi permetterà di ambientarvi passo passo continuando ininterrottamente a divertirvi e ad avere un clima positivo intorno, fondamentale per metabolizzare con calma e l’una dopo l’altra tutte le differenze a cui andrete incontro nella vostra nuova vita thailandese.

Ad un certo punto arriverà anche per voi, com’è stato per me, il momento in cui, cambiamento dopo cambiamento, sarà praticamente istintivo e naturale aver voglia di una casa propria, ma a quel punto saprete sicuramente meglio sia cosa vi piaccia o meno, ma soprattutto quale sia la Chiang Mai che volete vivere voi.

Per quanto mi riguarda la mia interpretazione preferita di Chiang Mai è quella di una città bellissima in cui essendoci tutto non manca nemmeno la possibilità di viverla pur rimanendo in contatto con la sua natura splendida che tanto influisce nel clima e nel fascino della Perla. Come dicevo ho quasi sempre escluso a priori la possibilità di un appartamento in un condo, così come una casa in U Bahn mi fa automaticamente sentire nel bel mezzo del Truman Show… e così me la sono presa con calma aspettando l’occasione propizia.

Ho applicato il primo metodo, usare i social, e mi ha permesso di vedere tanti posti di cui essere sicuro che non facessero al caso mio, contemporaneamente ho anche intrapreso la seconda strada, l’andare in giro e identificare posti che potevano piacermi e verificarne disponibilità, il che mi ha messo in condizione di capire che la mia casa ideale (quindi anche libera e disponibile a prezzo abbordabile) nella mia location ideale non esiste se non a prezzi per i quali comunque sceglierei altro. E’ stata la terza via a mettermi in mano le chiavi della casa in cui mi sono trasferito proprio negli ultimi giorni, ovvero parlarne con tante persone e avendo la fortuna che una di loro conoscesse per interposta persona un posto che sicuramente poteva fare al caso mio, del mio gusto e del mio portafogli.

E mai supposizione fu più esatta, perché appena ho visto questa casa l’ho affittata al volo, guadagnandomi un’abitazione splendida immersa nella giungla ma a soli 20 minuti di distanza dal centro di Chiang Mai, ad un prezzo talmente assurdo da potervi dire che ora come ora spendo più per l’affitto mensile della mia moto che per quello della casa in cui vivo. Una casa in stile thai ma ristrutturata da un architetto locale in modo da essere senza paragoni, né del tutto thai style né tanto meno western looking… una casa davvero unica costruita esattamente nello stesso modo in cui avrei potuto sognare di trovare.

Così, dopo un anno a Chiang Mai, posso dire di essermi finalmente trasferito a vivere in Thailandia, cioè a contatto con la terra, con la giungla, nel mezzo dell’avvincente ambiente naturale che caratterizza questo Paese ma comunque a contatto quotidiano con tutte le cose cittadine che mi interessano, servono o divertono.. in pratica la mia soluzione perfetta senza alcun compromesso servita su un piatto d’argento da chi ha saputo interpretare i miei gusti e farli combaciare con le proprie conoscenze, in pratica la persona giusta al momento giusto con la soluzione giusta… niente di scontato da trovare ma comunque possibile, e come al solito realizzabile solo provandoci. E noi tutti sappiamo bene che provarci è gratis.

Quindi lasciatevelo dire, non abbiate fretta, cercate di avere le idee chiare e di comunicarle per bene a chiunque incontrerete sulla vostra strada: fuori dalla finestra, tra le piccole soi del centro o gli angoli sperduti nella verde periferia di Chiang Mai, c’è la vostra casa ideale che vi aspetta.

Buona ricerca!

About Andre

Leggi anche

Songkran a Chiang Mai: E delirio fu

  Cade oggi il terzo ed ultimo giorno del Songkran, il capodanno del calendario buddista …