Home / Thailandia / Bua Thong Waterfall a Chiang Mai: per gli amici Sticky, Sticky Waterfall
Sticky Waterfall

Bua Thong Waterfall a Chiang Mai: per gli amici Sticky, Sticky Waterfall

Si chiamano Bua Thong Waterfall, ma per gli amici sono le Sticky Waterfall (per i non anglofoni significa “Cascate Appiccicose”) e se si sono guadagnate questo nomignolo è per un motivo del tutto particolare che rende queste cascate nascoste nel nord di Chiang Mai praticamente uniche nel loro genere.

Bua Thong Waterfall aka Sticky Waterfall

Se l’Uomo Ragno si stancasse del caos newyorkese e fosse nell’assoluta esigenza di natura, sicuramente verrebbe qui, alle Bua Thong Waterfall, per gli amici le Sticky Waterfall. O forse no, perché a pensarci bene l’Uomo Ragno può divertirsi allo stesso modo ovunque, siamo noi comuni mortali che solo qui alle Sticky Waterfall possiamo finalmente scoprire cosa si prova a passeggiare controcorrente o ad arrampicarsi in mezzo ad una cascata scrosciante senza morire.

Questo è quello che vi attende una volta arrivati alle Sticky Waterfall: un’area splendida nascosta nel verde ad una sessantina di chilometri da Chiang Mai dove il fiume si ritrova a fare tre balzi creando altrettanti livelli di cascate nelle quali l’acqua, invece che levigare la roccia e lasciarla riempire di muschi scivolosi, scorre cristallina su una superficie porosa che permette una “grip” tale da poterci agevolmente camminare dentro.

Perche le Sticky Waterfall sono “Sticky”?

Il parco in cui si trovano le Sticky Waterfall è un angolo di mondo molto tranquillo circondato solo dalla rigogliosa natura nord-thailandese, un luogo dove fare un pic nic è praticamente d’obbligo (e dove comunque potrete trovare un piccolo negozietto che vende cibo thai e bibite fresche) che stranamente si trova al di fuori del “percorso turistico”: non sono infatti molti i turisti che scoprono l’esistenza delle Sticky Waterfall e questo vi permetterà, una volta arrivati,  di sentirvi (più o meno piacevolmente) osservati da un pubblico di thai incuriositi che invece conosce bene la zona e la frequenta vivacemente.

Ma come dicevamo, al di là della bella natura circostante, il vero motivo per scegliere le Sticky Waterfall come meta per una gita fuori porta è questa curiosa caratteristica morfologica che permette di arrampicarsi lungo il letto delle cascate. Normalmente l’acqua scorrendo si ritrova a levigare la roccia che con la complicità dell’umidità si riempie di scivolosissimi muschi, rendono quasi impossibile muovere passo senza capitombolare goffamente, qui alle Sticky Waterfall invece scorre su una superficie porosa ricoperta di depositi minerali capaci di creare un incredibile attrito nonostante il continuo fluire, una superficie che assomiglia in tutto e per tutto a quella di una spugna calcificata sulla quale oltretutto non sembrano nemmeno poter crescere alghe o muschi.

Il risultato è che camminare e arrampicarsi nelle Sticky Waterfall è semplice quanto lo sarebbe se l’acqua non ci fosse nemmeno e che questo vi permetterà di muovervi come meglio vi piace trovando tutti i vostri angoli preferiti in cui sedere al centro della cascata prendendo il sole, godendo il fresco dell’acqua a dir poco cristallina che zampillerà attorno.

Come dicevamo le Sticky Waterfall si sviluppano su tre livelli, di cui il primo si trova subito dopo l’ingresso del parco e tutti gli altri immediatamente più sotto. I primi due livelli offrono piccoli balzi d’acqua e tante vie sulle quali potersi arrampicare, e dove farlo è davvero semplice anche quando sembra azzardato. Il terzo livello invece, quello che si trova più in fondo, crea un salto d’acqua più grande e vi permette di sfruttare la “grip” della roccia per starvene comodamente appoggiati alla cascata intanto che l’acqua vi scroscia addosso abbondante ma con una forza piacevolmente sostenibile.

Arrampicarsi e camminare lungo le Sticky Waterfall non è ovviamente obbligatorio, nel senso che se non ve la sentiste di provarci (anche l’Uomo Ragno qualche volta può avere le gambe molli) potrete comunque raggiungere tutti i livelli da una scalinata che accompagna sul fianco tutto il percorso delle cascate.

Per tutti gli altri che invece arriveranno alle Sticky Waterfall proprio per divertirsi in mezzo alla cascata, c’è solo un’avvertenza importante di cui tenere conto (sembra assurda ma è verissima): se il letto della cascata offre una grip eccezionale che davvero rende difficile qualsiasi scivolone, diverso è per alcune rocce che si trovano ai bordi che invece possono essere insidiose, soprattutto se vi fate prendere dall’enfasi dell’apparente tenuta perfetta, quindi cercate di tenere sempre e comunque gli occhi aperti ed i piedi attenti a riconoscere cosa si ritrovano sotto!

Come arrivare alle Sticky Waterfall

Raggiungere le Sticky Waterfall è semplicissimo, basta imboccare la Strada N°1001 che parte dal big ring a nord est di Chiang Mai e proseguirla senza mai girare per più o meno sessanta chilometri, ritrovandovi quindi direttamente nel parcheggio delle cascate.

Una possibile alternativa è uscire da Chiang Mai sulla Strada N°107 e percorrerla per una trentina di chilometri fino ad arrivare all’incrocio in cui a sinistra è indicata la strada per Pai, allo stesso semaforo girerete a destra immettendovi in una breve strada che vi farà subito convergere sulla Strada N°1001 a pochi chilometri di distanza dalla destinazione.

Per quanto non sia ovviamente una “scienza certa” vi suggeriamo la prima opzione, direttamente la Strada N°1001 presa da Chiang Mai, perché sulla N°107 (più trafficata in generale e percorsa da tutti i vacanzieri diretti a Pai, al Chiang Dao e a tutte le altre cascate in zona) è estremamente più facile trovare controlli stradali che potrebbero farvi perdere tempo e danaro.

 

 

 

About Andre

Leggi anche

Ratchada Night Market in Bangkok | Un Altro mercato Rockabilly

Se vuoi vedere un night market rockabilly con atmosfere anni ’50 allora il Ratchada Night …